ICCI – Camera di Commercio Indiana per l'Italia

News:: Musica

MELODY OF MONSOONS

Suoni e Melodie in un crescendo energetico che ha lo scopo di sollevare l’ascoltatore ad un livello spirituale superiore.

Domenica 6 Giugno 2015, presso il Consolato Generale dell’India a Milano, si è tenuto un concerto di musica indiana Sitar e Tabla.
Il Console Generale dell’India Manish Prabhat in persona ha dato il benvenuto ai concertisti Partha Pratim Roy & Dipak Kumar Chakraborty.
ICCI era presente con Lisa Scolari, Coordinatrice Sezione Culturale della nostra Camera di Commercio.
Il concerto è stato eseguito dai due famosi artisti Hindustani di origine Indiana, al momento in impegnati in un tour Europeo.
A differenza di molti artisti classici Hindustani famosi, il sitarista Partha Pratim Roy
non ha potuto contare sul vantaggio di provenire da una famiglia di musicisti, riuscendo a compensare però con la fortuna di avere la leggenda sitar Pandit Nikhil Banerjee come
 amico di famiglia.
Dipak Kumar Chakraborty ha eseguito numerosi e prestigiosi concerti musicali e festival in vari luoghi 
in India ed all’estero. Ha accompagnato con successo diversi famosi migliori classificati artisti. E’ anche compositore eccezionale per la danza e la musica. Il suo famoso libro “Tali Theke Taal” è stato pubblicato a Kolkata.
per info: 
segreteria@icci.it

La music classica indiana

Quella classica indiana è un tipo di musica integrata con la cultura e la storia del Paese. È una musica molto spirituale, di grande energia, usata per occasioni religiose. La sua rigorosa struttura è chiamata “raga” – per raga si intende un sentimento, un momento del giorno, anche un tipo di occasione o una stagione. Il raga ha un gruppo di note specifiche e regole per suonare.
La musica classica indiana non è scritta ma è sempre improvvisata dentro le regole del raga. La musica comincia molto lentamente con un’introduzione, detta Alap, che stabilisce il modo armonico del raga, per poi svilupparsi gradualmente in un crescendo energetico che ha lo scopo di sollevare l’ascoltatore ad un livello spirituale superiore.

Il Sitar è uno strumento utilizzato diffusamente nella musica classica indiana: ha venti corde – sette pizzicate (sopra) e tredici di risonanza (al di sotto) che servono a creare una sonorità molto forte e dolce. I Tabla sono lo strumento a percussione più diffuso dell’India – composti da due corpi di forme e dimensioni diverse, uno più grande e in metallo (rame o bronzo, a volte però anche in terracotta) chiamato Bayan o Dugga il quale produce una sonorità bassa, e l’altro in legno, chiamato Dayan o Tabla, dalla sonorità più acuta, che è la parte ritmica delle percussioni.